In base alla normativa in materia di privacy, la società AWP P&C S.A. Sede Secondaria e Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in 20137 Milano (MI), P.le Lodi n. 3, titolare del trattamento informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete.

Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies di terze parti utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa clicca qui


PRESENTATO IL PREMIO UNIVERSITARIO VALERIA SOLESIN: “IL TALENTO FEMMINILE COME FATTORE DETERMINANTE PER LO SVILUPPO DELL’ECONOMIA, DELL’ETICA E DELLA MERITOCRAZIA NEL NOSTRO PAESE”

Milano, 4 ottobre 2016 – Si è tenuto oggi, presso la Sala Alessi di Palazzo Marino a Milano, l’evento di presentazione del Premio Valeria Solesin dal titolo “Il talento femminile come fattore determinante per lo sviluppo dell’economia, dell’etica e della meritocrazia nel nostro Paese”: un concorso aperto a studentesse e studenti di tutte le Università italiane, ispirato agli studi e ai progetti della giovane ricercatrice veneziana tragicamente scomparsa il 13 novembre 2015 nell’attentato al teatro Bataclan di Parigi. Il progetto, realizzato con il Patrocinio del Comune di Milano, è promosso dal Forum della Meritocrazia e da Allianz Global Assistance, insieme ad altre aziende sostenitrici quali Gruppo Cimbali, Metropolitana Milanese, Sanofi, illy, EY e il movimento globale 30% Club.

L’evento ha visto la partecipazione di Luciana Milani, mamma di Valeria Solesin, oltre agli interventi della Vice Presidente del Senato, sen. Linda Lanzillotta, e dei rappresentanti delle associazioni e aziende attive nel progetto.

“Sosteniamo con piacere questo concorso – affermano l’Assessore alla Trasformazione digitale e Servizi civici, Roberta Cocco, e l’Assessore alle Politiche del lavoro, Attività produttive, Commercio e Risorse umane, Cristina Tajani -  che onora il ricordo di Valeria Solesin assegnando un premio agli studenti che indagano sul complesso universo dell’occupazione femminile in Italia. Questo tema, così caro alla giovane ricercatrice scomparsa, è più che mai attuale e riguarda da vicino anche Milano. Il nostro patrocinio all’iniziativa esprime la volontà del Comune di Milano di sostenere sempre e con forza il talento dei nostri studenti e delle nostre studentesse, che rappresentano il futuro della nostra città”.

Il tema del premio è inspirato, in piena condivisione con la famiglia Solesin, sia agli studi condotti da Valeria - che approfondiscono il tema del doppio ruolo delle donne, divise tra famiglia e lavoro - sia ad altre ricerche contemporanee che evidenziano gli effetti positivi di una bilanciata presenza femminile nelle aziende. L’obiettivo è quello di valorizzare giovani talenti e porre l’attenzione sia sui fattori che ancora oggi ostacolano la maggiore presenza femminile nel mercato del lavoro sia sulle buone pratiche di conciliazione introdotte dalle aziende e dalle istituzioni, in Italia e nel contesto internazionale, per favorire un’organizzazione e una cultura inclusive.

"Il talento femminile è un fattore determinante per lo sviluppo dell’economia, dell’etica e della meritocrazia - dichiara la sen. Linda LanzillottaValeria Solesin su questo tema stava portando avanti ricerche interessanti che dimostrano come le donne siano una risorsa nell'ambito familiare e in quello lavorativo, ma che questo enorme patrimonio non è valorizzato come meriterebbe. Oggi, troppo basso è il tasso di occupazione femminile e troppo poche sono le donne in posizione apicale in tutti i settori pubblici e privati. Cosa serve? Innanzi tutto superare gli stereotipi, a cominciare dalla formazione che deve vedere più donne nelle scuole e nelle facoltà scientifiche e tecnologiche, e sui modelli di organizzazione del lavoro troppo rigidi per essere compatibili con la complessità della vita delle donne. E poi investire sulle donne con politiche di conciliazione dei tempi e sul welfare. Infine, affermare in tutti gli ambiti e a tutti i livelli, meccanismi di selezione meritocratici che, come è ampiamente dimostrato, avvantaggiano le donne".

"Nuove ricerche nel campo dell'economia di genere sono sempre più necessarie ed attuali, per aiutarci a comprendere la complessità dei differenziali di genere e a promuovere misure che aiutino a ridurli – sostiene Paola Profeta, Prof.ssa in Scienza delle Finanze presso Università Bocconi di MilanoInfatti, nonostante i progressi soprattutto nel campo dell'istruzione, il tasso di occupazione femminile nel nostro Paese è fermo al 47% da circa un decennio. Eppure gli studi concordano nel ritenere il lavoro delle donne un importante motore di sviluppo e di crescita economica, risorsa particolarmente rilevante in tempi di modesta crescita. Gli ostacoli per il lavoro femminile rimangono, nei salari come negli sviluppi di carriera, nonostante sempre più studi indichino che una leadership bilanciata tra uomini e donne sia benefica per le organizzazioni e per l'intero sistema economico”.

Altro principio fondante dell’iniziativa è quello della meritocrazia, come primo criterio di valutazione delle competenze personali, in ambito sia accademico sia professionale.

Siamo felici come Forum della Meritocrazia di aver contribuito con Allianz Global Assistance a ideare e sostenere questo progetto – afferma Claudio Ceper, Presidente del Forum della MeritocraziaSiamo fiduciosi che la storia di Valeria Solesin possa servire da ispirazione per i tanti giovani e donne che possono dare tanto nel diffondere la cultura del merito in Italia. Le pari opportunità e l'attrazione dei talenti sono infatti due pilastri fondamentali del Meritometro, l'indicatore che misura il livello di meritocrazia del nostro Paese, e che ci vede ultimi in Europa. Su questi temi – prosegue Ceper - il Forum è impegnato in una campagna di sensibilizzazione nei confronti delle aziende, delle università e delle Istituzioni perché si dotino di strumenti concreti per diminuire questo gap”.

Con questo premio vogliamo valorizzare studentesse e studenti animati dalla stessa energia di Valeria, dalla stessa voglia di conoscere, dal bisogno di spendere positivamente la propria gioventù in nome della meritocrazia e di un riequilibrio dell’apporto femminile al cammino della nostra società, in tutte le sue espressioni, lavoro ed economia in primis - dichiara Paola Corna Pellegrini, CEO Allianz Global Assistance in ItaliaQuello di promuovere il talento femminile è un impegno che guida le politiche aziendali di Allianz Global Assistance e ci lega fortemente agli obiettivi di questo premio. Come rilevano alcuni studi, purtroppo l’evoluzione dei livelli dirigenziali nelle aziende italiane rimane molto lenta, ma in Allianz Global Assistance è donna il 42% dei dirigenti e i nostri risultati parlano chiaro”.

Potranno concorrere al Premio Valeria Solesin le tesi discusse entro il 31/07/2017 (e non prima del 01/01/2015) per il conseguimento di una Laurea Magistrale in Economia, Sociologia, Scienze Politiche e Giurisprudenza. Gli elaborati saranno poi valutati da un Comitato scientifico, composto da professori universitari esperti in materie socioeconomiche e giuridiche e professionisti del settore privato, che si avvarrà del supporto di un Advisory board.

“Oltre al valore morale, civile e scientifico di questo ambizioso progetto dedicato a Valeria Solesin, che studiava dei temi cruciali per comprendere i meccanismi di riproduzione della società, mettendo in relazione aspetti del mercato del lavoro femminile con aspetti demografici, mi preme sottolineare che l’istituzione del premio rappresenta un esempio positivo di collaborazione tra università e imprese, due mondi che forse non sono mai stati così lontani - dichiara Renata Semenza, Prof.ssa in Sociologia dei Processi Economici e del Lavoro presso Università degli Studi di MilanoUn modello che auspico possa avere un seguito futuro, perché volto ad incoraggiare il dialogo tra università e imprese oltre a migliorare le prassi sul tema del lavoro, sulla necessità di valorizzazione del capitale umano da entrambe le parti e sulle modalità di regolazione istituzionale, in uno scenario di balcanizzazione del mercato del lavoro”.

Grazie al contributo fornito dalle associazioni e aziende coinvolte nel progetto, sono previste premi e offerte di stage per un valore complessivo di 41.400 euro. Nel corso di una cerimonia di premiazione in programma a novembre 2017, i vincitori illustreranno pubblicamente i propri elaborati.


Maggiori dettagli sul premio e informazioni su come partecipare sono presenti nel bando, disponibile sul sito web www.forumdellameritocrazia.it