In base alla normativa in materia di privacy, la società AWP P&C S.A. Sede Secondaria e Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in 20137 Milano (MI), P.le Lodi n. 3, titolare del trattamento informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete.

Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies di terze parti utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa clicca qui


Costi delle cure mediche all’estero: il rischio di un malessere può costare molto più della vacanza!

  • Un piccolo problema di salute durante una vacanza all’estero può avere prezzi proibitivi: farsi visitare al Pronto Soccorso a Miami può costare fino a 53.000 euro, mentre per farsi ingessare una gamba in Turchia si possono pagare quasi 17.000 euro.
  • Secondo i dati di Allianz Global Assistance, il 58% dei turisti all’estero che hanno acquistato l’assicurazione di viaggio affrontano prevalentemente malanni come influenza e dissenteria, il 23,5% piccoli infortuni come cadute da scogli, tagli da corallo e allergie ai tatuaggi all’henné, ma i casi eccezionali esistono e possono fare molto male.

I costi delle cure mediche rischiano di far venire un infarto?
Gli italiani conoscono il proprio sistema sanitario ed il livello di copertura assicurativa  in caso di problemi di salute in Italia, tuttavia in altri Paesi dove si possono trovare a viaggiare la situazione può essere molto diversa. Un imprevisto o un piccolo problema medico durante una vacanza all’estero possono avere costi davvero proibitivi, soprattutto per destinazioni come Stati Uniti e Canada, ma anche in Paesi dell’area mediterranea, come Spagna e Grecia, dove il turista potrebbe trovarsi di fronte a “sgradite sorprese”.

Fortunatamente nella maggior parte dei casi non si parla di gravi problemi di salute. Secondo i dati rilevati da Allianz Global Assistance nei primi 7 mesi del 2013 infatti il 58% delle richieste effettuate dai viaggiatori all’estero è legata a malanni di lieve entità, contratti in vacanza, come sintomi influenzali, dissenteria, disidratazione, intossicazione alimentare, coliche, allergie, eritemi e abbassamento della pressione.
Nel periodo estivo inoltre sono frequenti allergie da tatuaggio all'henné, inconvenienti come smarrimenti o ritardi di consegna di valigie con medicinali per chi soffre di patologie croniche, reazioni allergiche a creme solari o mal di mare.

Le principali cause di infortunio in vacanza, che corrispondono al 23% delle richieste di assistenza, sono da imputarsi a semplici cadute con conseguenti distorsioni, fratture, contusioni, tagli ed escoriazioni. Nel periodo estivo sono molto frequenti i tagli da corallo, le cadute dagli scogli, le punture di pesci o ricci di mare e murene, gli incidenti in motorino, i morsi di scimmia e di iguana e le punture di insetti.

Qualche semplice esempio di costi per le cure mediche all’estero può aiutare a comprendere quanto sia importante stipulare una polizza di viaggio adeguata nell'eventualità di dover affrontare costi sanitari molto elevati se ci si ammala o si incorre in un infortunio all'estero.

  • Una spalla slogata in Spagna: 3.223 Euro
  • Una gamba fratturata ad Antalya, Turchia: 16.900 Euro
  • Una gastroenterite a Santo Domingo: 3.010 Euro
  • Una gastroenterite in Spagna: 8.000 Euro
  • Una visita al Pronto Soccorso a Miami, USA: 53.000 Euro
  • Una brutta bronchite a Montreal: 25.000 Euro
  • Un taglio o una ferita nel ginocchio in Grecia: 3.500 Euro



Ci sono, infatti, destinazioni per le quali è vivamente consigliato acquistare un’assicurazione viaggio perché i costi sanitari sono estremamente elevati, come negli Stati Uniti e in Canada. Basti pensare che nei primi 7 mesi del 2013, la maggior parte delle richieste per malattie o infortuni di lieve entità pervenute ad Allianz Global Assistance è arrivata proprio dagli Sati Uniti, dove una visita al Pronto Soccorso (a Miami) può costare fino a 53.000 euro. Vi sono anche altre destinazioni in cui la polizza è assolutamente raccomandata a causa degli alti costi sanitari locali come la Spagna, la Cina e l’area Caraibica.

Un incidente o una malattia all’estero possono rapidamente trasformarsi in un incubo. Alcuni turisti pensano di essere abbastanza tutelati dalle carte di credito quando si trovano fuori dal proprio Paese. Non tutti sanno però che una normale carta di credito copre i costi delle cure sanitarie per importi piuttosto limitati ed in alcuni casi inadeguati per far fronte ad un’emergenza nel paese di destinazione.

Prima di qualsiasi altra cosa prevenire!
Allianz Global Assistance ricorda ai turisti di prendere qualche precauzione prima di partire per le vacanze.

  • A seconda della destinazione di viaggio e della lunghezza del soggiorno è fortemente consigliabile sottoscrivere una assicurazione di viaggio. I benefici potrebbero essere incalcolabili.
  • In caso di problemi di salute o di malattia, è molto importante chiamare un’ambulanza locale che possa venire in soccorso urgente e, subito dopo, contattare la propria compagnia assicurativa per l’assistenza.
  • È molto importante leggere con attenzione il proprio contratto di assicurazione per controllare le coperture e verificare che non ci siano esclusioni o limitazioni rilevanti per le proprie esigenze o per il tipo di vacanza che si intende intraprendere, come ad esempio: esclusioni per malattie croniche o preesistenti, per gravidanza, per sconsiglio da parte della Farnesina o per l’utilizzo di motoveicoli a noleggio di cilindrata superiore ai 50 cc. In ogni caso, bisogna sempre conservare tutte le ricevute in un luogo sicuro durante tutto il viaggio, per poter essere risarciti al ritorno. E mai dimenticare di fotocopiarle!