In base alla normativa in materia di privacy, la società AWP P&C S.A. Sede Secondaria e Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in 20137 Milano (MI), P.le Lodi n. 3, titolare del trattamento informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete.

Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies di terze parti utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa clicca qui


Viaggiare con bambini piccoli

Viaggiare con bambini piccoli

Prima della partenza

Per tutte le informazioni di cui potreste aver bisogno sul vostro bambino e sulla sua particolare situazione, rivolgetevi al vostro medico due mesi prima della partenza. E’ evidente che alcune destinazioni sono assolutamente inadeguate per i bambini piccoli.


Preparate una trousse medica “specifica per i bambini”, oltre alla vostra, che contenga antipiretici (liquidi o in polvere), preparati per reidratazione, compresse sterilizzanti (per i biberon), medicine antiemetiche, antisettici monodose, un  termometro infrangibile e una soluzione salina. Tuttavia, state attenti perché ogni farmaco autosomministrato senza il parere del vostro medico, può essere molto pericoloso. E’ fondamentale verificare con il vostro medico i dosaggi prescritti, le istruzioni per l’uso e la compatibilità.


Ricordate di mettere tutto quello di cui potrebbe avere bisogno il vostro bambino nel vostro bagaglio personale, nonché acqua per il viaggio, crema solare per bambini, un cappello contro il sole, salvagenti e braccioli gonfiabili autorizzati, un repellente contro le zanzare (accertatevi di chiedere al vostro farmacista se alcuni repellenti non sono raccomandati per i bambini) e una zanzariera impregnata di repellente.


E’ comunque saggio in ogni caso scegliere una destinazione di viaggio nella quale potete essere sicuri di ricevere un elevato livello di cure mediche e sanitarie.


Non dovreste viaggiare con bambini piccoli nella maggior parte dei paesi tropicali salvo che non sia assolutamente necessario.

Verificate il libretto delle  vaccinazioni del vostro bambino prima della partenza e chiedete al vostro medico di famiglia di accertarsi che le vaccinazioni del vostro bambino siano aggiornate. Le condizioni di vaccinazione possono variare a seconda del paese in cui si vive. Molte autorità sanitarie nazionali richiedono un’inoculazione per la difteria, il tetano, la polio e la pertosse. Spesso, non sono richieste le iniezioni per morbillo, tubercolosi e meningite. 


Tuttavia, accertatevi di verificare il tutto con il vostro medico. E’ sempre preferibile che il vostro bambino venga testato per la tubercolosi prima della partenza, in particolare se viaggiate per un lungo periodo di tempo.
Vaccinazioni specifiche:

  • In alcuni paesi, è obbligatorio farsi vaccinare contro la febbre gialla; questo vaccino, somministrato presso centri autorizzati, può essere dato ai bambini piccoli a partire dai 6 mesi di età ma è obbligatorio solo per bambini di 1 anno o più. Attenzione! Questo vaccino non è raccomandato ai bambini allergici alle uova.
  • Si sono verificati alcuni casi di febbre tifoidea in bambini di ritorno dall’Africa Settentrionale e Centrale anche dopo solo una breve permanenza. La vaccinazione antitifica è fortemente raccomandata e molto efficace nei bambini di 5 anni e più.
  • Parlate con il vostro medico della vaccinazione contro l’Epatite B. Questa dipenderà da dove state andando.
  • Il vaccino contro l’Epatite A può essere somministrato già a 1 anno di età. E’ particolarmente raccomandato nei bambini che vanno in Nord Africa.
  • La vaccinazione anticolerica non è necessaria.
  • Il vaccino antimeningite può essere raccomandato nei bambini di 18 mesi e più che viaggiano in regioni ad alto rischio durante la stagione secca ad alto rischio. In caso di epidemia, questo vaccino può essere somministrato ai neonati di 3 mesi e più. Parlatene con il vostro medico di famiglia.

In caso di partenza prematura precipitata, è possibile effettuare alcune associazioni o combinazioni di vaccini. I vaccini possono essere inoculati lo stesso giorno in zone diverse.

E’ fortemente sconsigliato viaggiare in zone dove la malaria è endemica. Se non potete rimandare il vostro viaggio, è di primaria importanza proteggere voi e i vostri bambini dalle punture di zanzare, in particolare usando una zanzariera impregnata di repellente per zanzare attorno ai letti di notte. I bambini dovrebbero indossare indumenti lunghi per dormire e utilizzare repellenti per zanzare su tutte le parti esposte del corpo. Chiedete al vostro medico o pediatra un consiglio in quanto alcuni repellenti non sono adatti ai bambini. Il vostro medico sarà anche in grado di prescrivere un trattamento di prevenzione adatto al vostro bambino che dovrebbe essere tenuto fuori dalla loro portata. 


Per qualsiasi problema dovesse sorgere mentre siete in viaggio, non aspettate di fare ritorno a casa per consultare un medico. Il medico di riferimento della vostra società di assistenza è a disposizione per discutere di qualsiasi questione o dubbio possiate avere circa il vostro stato di salute. Potrà fornirvi consigli pratici, contattare il vostro medico di famiglia e organizzare una visita per voi ovunque siate.

Il latte materno è l’alimento migliore per i neonati sino ai 6 mesi di età. Se allattate, la lattazione potrebbe scemare durante il viaggio, quindi accertatevi di portare con voi biberon e latte in polvere come integratore, nonché bottiglie d’acqua per il viaggio. La preparazione dei biberon richiede una particolare cura: l’acqua andrebbe purificata (salvo naturalmente che non riusciate a reperire bottiglie d’acqua minerale confezionate nel luogo della vostra destinazione) e i biberon devono essere sterilizzati. Prima della partenza, informatevi se sia possibile o meno acquistare alimenti per bambini nel posto dove andrete (latte in polvere per neonati e bambini nei primi mesi, omogeneizzati, ecc.)


Per prevenire l’insorgere di diarrea, siate particolarmente vigili nel lavarvi le mani con acqua e sapone prima e dopo ogni pasto, dopo essere andati in bagno e prima di andare a letto la sera. Tenete le unghie delle mani corte. I bambini dovrebbero bere e mangiare solo in presenza della famiglia. Fate particolare attenzione a ciò che mangiano: date loro solo bevande confezionate in bottiglia, mai con ghiaccio e date loro cibi cotti o prodotti alimentari che indichino chiaramente il luogo di produzione e che non siano stati sottoposti a un’interruzione nella catena del freddo. Sbucciate tutta la frutta ed evitate di mangiare verdura cruda.


In caso di diarrea, è necessario modificare l’apporto di cibo sino a quando le feci ritornano normali. Fate bere molta acqua al vostro bambino e spesso, al fine di evitare problemi di disidratazione. Dategli la soluzione reidratante che avete portato con voi o preparatela voi stessi con 5 cucchiai da te di zucchero e ½ cucchiao di sale in 1 litro d’acqua. Durante le prime sei ore, sarà necessario sostituire i biberon del piccolo con la soluzione reidratante in quantità sufficiente; trascorso questo tempo, si aggiungerà il 20% del liquido reidratante ai soliti biberon del piccolo. Se allattate, e tra una poppata e l’altra, date al vostro piccolo molto liquido di reidratazione o acqua pura da bere. In caso di vomito, dovreste dare al piccolo la soluzione di reidratazione con un cucchiaino aumentandone la frequenza. Un bebè più grandicello dovrebbe mangiare cibi comprendenti carni magre o pesci magri cotti senza grassi, riso, pasta, patate, carote al naturale, formaggio a pasta dura, banane, composta di mele, composte di mela/mela cotogna o di mela/banana, biscotti secchi o toast. Inoltre, evitate di dare al vostro bambino latticini come yogurt e dessert a base di creme, latte, altra frutta e verdura diversa da quelle sopramenzionate, cereali integrali, piatti elaborati, carni stufate e cibi fritti.

Ecco alcune misure precauzionali da seguire: 


In aereo, fate bere il vostro bambino dal suo biberon durante il decollo e l’atterraggio. Evitate lunghe escursioni in autobus o pulman, in particolare in climi molto caldi. 

  • Proteggete in tutti i modi il vostro bambino dal sole: tenetelo all’ombra in un posto ben ventilato. Dategli molta acqua da bere e fategli portare un cappello contro il sole, una crema solare e vestiti adatti. Non dovreste esporre al sole un bambino sotto i sei mesi.
  • Vestite il bambino preferibilmente con vestiti di peso leggero, facili da lavare, permeabili (cotone, lino…).
  • Non permettete al vostro bambino di camminare scalzo, in particolare sulla sabbia o su terreno umido perché queste superfici possono contenere sterco di animali, larve, insetti, rifiuti o detriti. Fate in modo che il vostro bambino indossi scarpe da “spiaggia” adeguate.
  • Rimanete sempre attenti, in particolare quando il vostro bambino sta nuotando o si trova vicino all’acqua: le piscine e le altre aree dove è possibile nuotare presentano sempre dei rischi pericolosi per i bambini. Un bambino piccolo può affogare in soli pochi centimetri di acqua.
  • A causa del rischio di parassiti, non permettete al vostro bambino di nuotare o giocare in stagni o fiumi.
  • Non lasciate mai il vostro bambino giocare con animali incontrati per strada. Potrebbero mordere il vostro bambino e trasmettergli la rabbia.