In base alla normativa in materia di privacy, la società AWP P&C S.A. Sede Secondaria e Rappresentanza Generale per l’Italia, con sede in 20137 Milano (MI), P.le Lodi n. 3, titolare del trattamento informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete.

Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies di terze parti utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa clicca qui


Trekking

Trekking

Che cos’è il trekking?

Il trekking può essere definito come una camminata che copre lunghe distanze in relativa autonomia, senza accessori o equipaggiamento, per diverse ore su terreno disuguale. Queste caratteristiche lo distinguono dalla camminata/escursione più tradizionale o dall’arrampicata in montagna. Il trekking si svolge in aree aperte selvagge e spesso consente di accedere a siti molto remoti e lontani dalla moderna civilizzazione.

 Chi può fare trekking

I candidati al trekking devono essere in buone condizioni fisiche generali. Anche se siete atletici, ricordate che il trekking può comportare più giorni di camminata portandosi dietro uno zaino pesante. Bisogna cimentarcisi gradatamente, essere pazienti e mentalmente forti e avere una buona resistenza. Il trekking può essere fatto in bassa, media o alta montagna, nei deserti, nella giungla, nelle foreste e anche nelle regioni polari. E’ assolutamente sconsigliato fare trekking da soli. Esistono numerose agenzie specializzate nell’organizzare vacanze sul tema del trekking ma potete anche trovare guide locali una volta giunti a destinazione.

Alcuni consigli pratici

Il trekking non si improvvisa. Rispettate le seguenti raccomandazioni e godetevi il vostro trekking in totale sicurezza: 

  • Anche se siete in ottima condizione fisica, fissate un appuntamento con il vostro medico prima di partire, in particolare se pianificate un trekking ad alta quota e anche se il trekking sarà breve.
  • Prima della vostra partenza, predisponete un programma personalizzato per rimettervi in forma. In questo modo, sarete in grado di scegliere il grado di difficoltà del vostro trekking in base alle vostre condizioni fisiche.
  • Testate il vostro equipaggiamento a casa, specialmente le vostre scarpe da trekking, e adattatelo alla vostra destinazione.
  • Non partite mai per una lunga camminata con scarpe nuove.
  • Portate con voi tutto l’occorrente ma mantenete lo zaino il più leggero possibile: sacco a pelo, giacca impermeabile, maglione di lana, scarpe da trekking resistenti con suole antiscivolo, borraccia in metallo per l’acqua, un kit di pronto soccroso, coltello, bussola… Ripartite il peso in modo uniforme nel vostro zaino inserendo prima gli articoli più pesanti.
  • Prevenite la formazione di vesciche verificando che i piedi stiano ben comodi nelle scarpe e verificate che le vostre scarpe siano ben allacciate.
  • Verificate le scorte di cibo prima di partire: dovreste avere abbastanza cibo e acqua per l’intero percorso. Potreste avere bisogno di purificare l’acqua con tavolette di cloro.
  • Scegliete con cura i vostri indumenti – materiali che mantengono il calore, rimangono asciutti e proteggono dal vento come seta, lana e, in particolare, alcune nuove fibre sintetiche che possono fare da buon isolante. Indossate tre strati di indumenti di buona qualità, ultimando con uno strato che ripari dal vento e sia impermeabile. Ricordate di  prevenire il rischio di congelamento; proteggete le estremità del vostro corpo e portate guanti, muffole, calze pesanti o una calzamaglia. E’ inoltre fondamentale portare scarpe di buona qualità. Un cappello di lana, un passamontagna o una maschera vi aiuteranno a proteggere naso e orecchie. Se andate in alta quota o  in un paese freddo, equipaggiatevi di conseguenza.
  • Scegliete la stagione migliore per il trekking a seconda della vostra destinazione: evitate i monsoni, il periodo centrale dell’estate nei paesi caldi e il rigore dell’inverno nei paesi freddi.
  • Proteggetevi dal sole con una crema solare totale e dagli insetti con un repellente e indossando abiti lunghi la sera. Portate un cappello e occhiali da sole.
  • Curate subito qualsiasi ferita che possa infettarsi.
  • Pensate a idratarvi spesso bevendo molta acqua e regolarmente: le bevande calde dissetano di più. Evitate l’alcol anche quando fa estremamente freddo.
  • Se non c’è acqua, utilizzate  salviette preinsaponate per lavarvi. Non nuotate né camminate a piedi nudi in acque stagnanti a causa del rischio di bilharzia.
  • Per qualsiasi problema dovesse sorgere mentre siete in viaggio, non aspettate di fare ritorno a casa per consultare un medico. Il medico di riferimento della vostra società di assistenza è a disposizione per discutere di qualsiasi questione o dubbio possiate avere sul vostro stato di salute. Potrà fornirvi consigli pratici, contattare il vostro medico di famiglia e organizzare una visita per voi ovunque siate.